Connect with us

Hi, what are you looking for?

Articoli

ARGENTINA: PFITZER CHIEDE BENI SOVRANI COME GARANZIE CONTRO CAUSE LEGALI

In cambio della fornitura di vaccini, la Pfizer avrebbe preteso dall’Argentina e dal Brasile la disponibilità di beni sovrani nazionali (come edifici di ambasciata o basi militari), come garanzia contro il costo di eventuali richieste di danni derivanti dalla distribuzione del loro vaccino.

Il quotidiano El Clarìn di Buenos Aires ha denunciato un tentativo di ricatto da parte della farmaceutica Pfizer contro lo stato argentino, e contro altri stati sudamericani come Brasile e Perù. In cambio della fornitura di vaccini, la Pfizer avrebbe preteso dall’Argentina e dal Brasile la disponibilità di beni sovrani nazionali (come edifici di ambasciata o basi militari), come garanzia contro il costo di eventuali richieste di danni derivanti dalla distribuzione del loro vaccino.

Secondo il Bureau of Investigative Journalism (una associazione indipendente di giornalisti internazionali), la Pfizer non cercava soltanto l’immunità da eventuali effetti collaterali del vaccino, ma anche l’immunità per danni causati da una loro generica negligenza, truffa o intento doloso (“negligence, fraud or malice”).

Il rapporto è firmato da sei giornalisti, in rappresentanza di due organi di informazione senza scopo di lucro: The English The Bureau of Investigative Journalism (TBIJ) e Peruana Ojo Público. Le fonti di informazione utilizzate sono dati di pubblica conoscenza, a cui si aggiungono le spiegazioni di un esperto del settore, un rappresentante dell’OMS e testimonianze riflesse dal verbale (anonimo) di funzionari provenienti da Argentina, Perù, Brasile.

In casi come il Perù, dicono, è stato richiesto “di includere clausole che esonerano l’azienda farmaceutica dalla responsabilità per gli eventuali effetti negativi del vaccino, il ritardo nella consegna dei lotti, attuare tutte le norme legali necessarie per conformarsi agli obblighi nei confronti del fornitore contro future cause legali e risarcimenti ”.

Quanto a Pfizer, questo giovedì è stato chiesto di ratificare o smentire le affermazioni riflesse nell’inchiesta, ma i rappresentanti locali dell’azienda hanno ricordato il rifiuto dell’azienda farmaceutica, dallo scorso luglio, di rispondere ai media a qualsiasi domanda relativa alla terapia genica sperimentale, propagandata da media e governi come vaccino.

Considerando che Pfizer stava cercando il pieno risarcimento per presunte cause civili, il termine “negligenza” nella legge rappresentava un vero e proprio ostacolo, che la società chiedeva di rimuovere. Il governo, come riportato all’epoca da Clarín, si offrì di modificare il significato di quella parola nel regolamento della suddetta legge. Ha invece rifiutato la richiesta della società, che a quanto pare richiedeva la redazione di un nuovo regolamento emanato per decreto. Tra questi colpi di scena, la trattativa è crollata ed è per questo che l’Argentina non ha, ad oggi, un accordo in vigore con Pfizer.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Sostieni il nostro lavoro

IBAN:  IT87S0760103200000062388889 

INTESTATO A:  Eugenio Miccoli 

BANCA:  Poste Italiane Spa 

CAUSALE:  Donazione 

 

Se hai difficoltà o per metodi di pagamento differenti, contattaci a sostieni@mepiu.it

Lasciaci il tuo contatto per poterti ringraziare a questo link  QUI

paypal o carte

Sostegno ricorrente e Membership

Ti potrebbe interessare anche

Documentari

Come mai ultimamente si sta parlando tanto di UFO, un argomento così borderline, sui media mainstream come ad esempio in TV? Come mai adesso?...

Articoli

Alcuni casi di miocardite, infiammazione del cuore, potrebbero essere legati al vaccino Pfizer. Lo ha reso noto il ministero della sanità israeliana, dopo aver...

Africa

8.000 militari, per la metà statunitensi, con circa 200 carrarmati, cannoni semoventi, aerei e navi da guerra. Tra i partecipanti vi sono oltre il...

Articoli

Uno scienziato militare cinese, Zhou Yusen, morto nel maggio dello scorso anno, aveva depositato un brevetto per un vaccino contro il Covid-19 già a...

Advertisement