Connect with us

Hi, what are you looking for?

Documentari

Come Il CLIMA ha plasmato la STORIA e la PREISTORIA della nostra CIVILTÀ

Nel periodo caldo medioevale, i vichinghi erano riusciti a scorrazzare in tutto l’estremo Nord fino all’America. Baghdad era considerata la più ricca città del mondo, piena di giardini. In quel periodo, quando in tutto il nord Europa la foresta di abeti arrivava fino al mare artico, contemporaneamente in quello che adesso è il deserto del Tassili nel Sahara, c’era vita. Felice Vinci illustra il dilemma dei cambiamenti climatici in un’ottica diversa.

Un viaggio nella storia tra i cambiamenti climatici; da Baghdad città più ricca del mondo alla vita nel deserto del Tassili. Estratto dal documentario “I Misteri della Cività Megalitica – integrale” intervista di Eugenio Miccoli a Felice Vinci, autore dei “I Misteri della Cività Megalitica“, “Omero nel Baltico” e il nuovo “I segreti di Omero nel Baltico“, in esclusiva su MePiù.

Guarda questo docomentario senza limiti.
Dal 01 Gennaio 2022, continua a vedere il documentario, senza limiti! Entra nella Membership, diventa nostro Mecenate oppure acquista questo contenuto.

Felice Vinci illustra il dilemma del clima in un’ottica diversa. I cambiamenti climatici sono sempre un qualcosa di catastrofico. Però una volta che si va a regime, è preferibile uno caldo ad uno freddo. In questo periodo ci troviamo in un regime di riscaldamento.

Nel periodo caldo medioevale che durò dal 900 al 1300 circa, i vichinghi erano riusciti a scorrazzare in tutto l’estremo nord fino all’America. Inoltre Baghdad era considerata la più ricca città del mondo, piena di giardini. Questo perchè l’evaporazione dovuta al riscaldamento faceva piovere in zone aride.

In quel periodo, quando in tutto il nord Europa la foresta di abeti arrivava fino al mare artico, contemporaneamente in quello che adesso è il deserto del Tassili nel Sahara, c’era vita. Ci sono ancora i graffiti rupestri che indicano come c’erano animali della Savana. Il Sahara in buona parte a quell’epoca era una savana.

Secondo alcuni studi, se l’attuale incremento di temperatura proseguirà, tra 50 anni buona parte della Siberia, attualmente invivibile, diventerà un ‘Locus amoenus’. Questo naturalmente comporterà l’innalzamento dei livelli del mare e problemi sulle coste. Ma come sostiene l’Ing. Vinci: “I cambiamenti climatici offrono grandi problemi ma anche grandi opportunità. Sta all’intelligenza dell’uomo trovare la maniera di ridurre i problemi e sfruttare al massimo le opportunità”.

Acquista questo libro:
clicca sulla copertina

COPIA DATI PER BONIFICO

IT87S0760103200000062388889 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX Banca: Poste italiane Spa A favore di: Eugenio Miccoli Causale: Donazione

Se hai difficoltà, contattaci a sostieni@mepiu.it

Criptovalute QUI

Da non perdere

Africa

Mohamed Konare leader del movimento panafricanista in questo intervento mette in chiaro cosa fare ora: un unione di popoli, europei e africani per arginare...

Chat Vocali

"In Ucraina stanno ai livelli della Gestapo, solo perché qualcuno è simpatizzante della Russia lo torturano e poi viene ucciso. Vi sembra nomale che...

Dal vivo

Manifestazione 'Viva Mattei? organizzata dal 'Fronte del Dissenso'. Bologna 17/09/2022. Non pagare le bollette di Draghi. Nazionalizzare ENI ed ENEL. Fuori l'Italia dalla guerra...

Chat Vocali

"Dobbiamo pensare al 26 Settembre: la situazione è molto grave e non possiamo permetterci di non ritrovare l'unione creata nelle piazze di questi ultimi...

scienza

Da oggi dobbiamo azzerare la storia e ricominciare da capo. Con il 'Radar ad apertura sintetica' possiamo vedere fino a otto chilometri sotto la...