Dom. Mar 7th, 2021

A un tribunale della California è stato chiesto di obbligare Google a rimuovere Telegram dal suo Play Store, sostenendo che l’app di messaggistica viene utilizzata per incitare alla violenza. La sfida legale rispecchia una causa simile intentata contro Apple.

Intentata da Marc Ginsberg, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Marocco, la causa sostiene che la popolare app viene utilizzata per diffondere violenza, estremismo e antisemitismo. Anche l’organizzazione no profit di Ginsberg, Coalition for a Safer Web (CSW), è stata indicata come querelante. 

La denuncia rileva che Google ha sospeso Parler, un sito di microblogging conservatore simile a Twitter, dal suo app store a causa di alcuni utenti che avrebbero espresso sostegno per la presunta violenza che ha scosso il Campidoglio il 6 gennaio. Secondo Ginsberg, Telegram dovrebbe ricevere lo stesso trattamento. 

“Google non ha intrapreso alcuna azione contro Telegram paragonabile all’azione che ha intrapreso contro Parler per costringere Telegram a migliorare le sue politiche di moderazione dei contenuti” , sostiene la causa. 

Ginsberg e CSW hanno presentato una denuncia simile la scorsa settimana contro Apple, che, come Google, aveva cancellato Parler dal suo app store in seguito ai disordini nella capitale. 

In quella causa, i querelanti definiscono Telegram come “il canale di comunicazione nazionalista neo-nazista / bianco suprematista, che alimenta l’incitamento antisemita e anti-nero durante l’attuale ondata di proteste in tutta l’America”. La causa sostiene che l’app sta rapidamente diventando un terreno fertile per l’estremismo mentre gli utenti di Parler “migrano” verso altre app. 

Le sfide legali fanno parte della missione dichiarata di CWS di limitare “l’accesso degli estremisti all’infrastruttura Internet” e di sostenere la “rimozione rapida di istigazione e istruzione di estremisti e terroristi dalle piattaforme dei social media”.

Telegram ha assistito a un’impennata di nuovi utenti dopo che aziende di Big Tech come Twitter, Facebook e YouTube hanno iniziato a censurare in modo aggressivo i contenuti sulle loro piattaforme all’inizio di questo mese, con la scusa di tentare di reprimere l’estremismo. L’app, che utilizza la crittografia end-to-end per i messaggi, ha segnalato oltre 500 milioni di utenti mensili nella prima settimana di gennaio. 

Sebbene i critici abbiano dipinto Telegram come un rifugio sicuro per gli estremisti di destra, la società ha adottato misure proprie per mantenere la sua piattaforma “libera dall’odio”. La scorsa settimana ha annunciato di avere “dozzine” di canali sospesi sulla sua piattaforma che avevano presunti legami con neonazisti e suprematisti bianchi.

Fonte RT tradotto e riadattato da Eugenio Miccoli.

GUARDA ANCHE: CONVERGENZE PARALLELE TRA ISTITUZIONI, FINANZA E BIG SOCIAL – Roberto Quaglia (NON Censurato)

POSSIAMO FARE INFORMAZIONE INDIPENDENTE GRAZIE AL TUO SOSTEGNO.
SE TROVI UTILE IL NOSTRO LAVORO, CONTRIBUISCI A MANTENERLO CONSTANTE:

ATTIVA UNA DONAZIONE RICORRENTE CON PAYPAL E CARTE UTILIZZANDO IL TASTO “DONA ORA”


ALTRI MODI PER SOSTENERCI:

IBAN E POSTEPAY SU: mepiu.it/sostieni

INVIA UNA SINGOLA DONAZIONE DI 20 EURO RAPIDAMENTE CON TUTTI I METODI DI PAGAMENTO,


Eugenio Miccoli

Di Eugenio Miccoli

Blogger, Video Maker e intervistatore. Fondatore e coordinatore di MePiù.

Un pensiero su “L’azione legale chiede a Google di eliminare Telegram dall’app store, una settimana dopo che Apple è stata presa di mira nello stesso modo”

Rispondi