Mar. Apr 20th, 2021

L’avvocato Marco Mori, intervistato da Eugenio Miccoli nel Luglio del 2019, ai microfoni di MePiù propone una strategia per far risorgere il nostro Paese: la creazione di un fronte dedito allo sviluppo della base di consenso necessario per poter intraprendere un percorso di riacquisizione della sovranità monetaria, precondizione obbligatoria per poter indirizzare le politiche di sviluppo sociale e tecnologico che possano portare l’essere umano fuori dalla logica di schiavitù oppressiva e predatoria in cui si trova oggi.

POSSIAMO FARE INFORMAZIONE INDIPENDENTE GRAZIE AL TUO SOSTEGNO.
SE TROVI UTILE IL NOSTRO LAVORO, CONTRIBUISCI A MANTENERLO CONSTANTE:

ATTIVA UNA DONAZIONE RICORRENTE CON PAYPAL E CARTE UTILIZZANDO IL TASTO “DONA ORA”


ALTRI MODI PER SOSTENERCI:

IBAN E POSTEPAY SU: https://mepiu.it/sostieni

INVIA UNA SINGOLA DONAZIONE DI 20 EURO RAPIDAMENTE CON TUTTI I METODI DI PAGAMENTO,


MePiù è presente su tutte le piattaforme


Guarda anche:

RIMANERE SUL DIVANO È DA CRIMINALI. Marco Mori alla “Marcia della Liberazione”

3 pensiero su “L’ITALIA PUÒ RISORGERE! L’intervista integrale di Eugenio Miccoli a Marco Mori.”
  1. […] “Non esiste un modo soft per uscire dall’euro. L’Exit si può attuare soltanto dopo aver messo sul piatto, ma subito, lo devi fare unilateralmente, la precondizione dell’uscita dall’euro, che è l’arma poi di ricatto. Perché finché hai l’euro, la banca centrale con la criminale Lagarde, domani ci chiude i rubinetti, appena disobbediamo e tu sei morto.Perché parlo di precondizione? Questo è il modo per liberarsi dal ricatto, a quel punto, noi possiamo utilizzare tutta la nostra forza produttiva, la forza lavoro, tutte le risorse reali, materiali, dello stato, nell’interesse collettivo e iniziare a attuare piano industriale per liberarci.” Estratto dall’intervista di Eugenio Miccoli a Marco Mori disponibile qui – LINK […]

  2. Eugenio da come parlate questa intervista sembra dell’estate 2019: perchè non metti la data così si capisce meglio il contesto??
    Grazie
    Bernardo

Rispondi