Connect with us

Hi, what are you looking for?

Articoli

LA CINA TIENE IL MONDO ANCORA IN BILICO. EVERGRANDE UN GROSSO PROBLEMA.

Pechino non andrà in soccorso del gigante immobiliare, ma la Banca centrale è intervenuta anche oggi per stabilizzare la situazione, iniettando nel sistema altri 70 miliardi di dollari. Dall’Ue rassicurano che il rischio è limitato.

Indebitato per 300 miliardi di dollari, il colosso immobiliare Evergrande diventa sempre più un problema per l’economia cinese. Se non controllato dal governo centrale, potrebbe comportare un disastro economico-finanziario per la Cina ed avere eventuali ripercussioni anche sui mercati internazionali. Pechino avrebbe chiesto ai funzionari in tutto il Paese di «prepararsi a una possibile tempesta». Xi Jinping sembra abbia deciso di non intervenire con il massiccio salvataggio di Stato. Nei prossimi giorni ci si può aspettare una “demolizione controllata” del colosso immobiliare. Dunque Pechino non andrà in soccorso del gigante immobiliare, ma la Banca centrale è intervenuta anche oggi per stabilizzare la situazione, iniettando nel sistema altri 70 miliardi di dollari.

Lo stato delle cose che avvolge la Cina è tenuto sotto controllo anche dall’Europa. Arrivano rassicurazioni dalla Bce. «Stiamo monitorando la crisi del debito di Evergrande ma in Europa e nell’area dell’euro in particolare, l’esposizione diretta sarebbe limitata», parole del Presidente della Bce, Christine Lagarde in un’intervista alla Cnbc. Ha continuato la Lagarde: “Ho ricordi molto vividi degli ultimi sviluppi del mercato azionario cinese che, in passato, scatenarono effetti in tutto il mondo. Ma in Europa, e in particolare nell’area euro, l’esposizione diretta sarebbe limitata”. Già mercoledì era intervenuto sulla questione Jerome Powell, Presidente della Fed (Federal Reserve System), il quale ha spiegato: “In termini di implicazioni per noi, gli Stati Uniti non sono molto esposti. Le grandi banche cinesi non sono esposte in modo tremendo, ma mi preoccuperei se (il caso) finisse per condizionare le condizioni finanziarie globali, attraverso i canali mondiali della fiducia”.  

Sempre in Cina, nel frattempo la Banca centrale ha vietato qualsiasi transazione correlata ai Bitcoin e alle criptovalute, tra cui pagamenti, trading, e pubblicità, in quanto potrebbero esserci rischi che tali attività comportano alla stabilità del Paese. Il nono Ban della Cina sulle cripto. Probabilmente quello definitivo. Proprio nel momento nel quale i piccoli investitori avrebbero potuto mettere a riparo i loro capitali invece che vederseli risucchiare dalla crisi provocata da Evergrande.

(Francesco Mastrobattista per mepiu.it)

CON BONIFICO

IT87S0760103200000062388889 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX Banca: Poste italiane Spa A favore di: Eugenio Miccoli Causale: Donazione

Criptovalute QUI

Se hai difficoltà, contattaci a sostieni@mepiu.it

Da non perdere

Articoli

Il 9 maggio si sono riunite, in via Caetani, le alte cariche dello Stato per la Commemorazione del 44esimo anniversario della morte dell’On Aldo...

Articoli

Arrestato Nicola Franzoni per l’assalto alla sede della Cgil. Intervistato da Eugenio Miccoli il 16 novembre, si era dichiarato estraneo a quelle violenze.

Articoli

È la paura a rendere le persone individualiste, ciecamente obbedienti e ipocondriache. Ciò accade in assenza di coraggio, se non ci si riconosce anima...

ESTERI

Lo sfogo e la commozione del reporter Vittorio Rangeloni: “Sono 8 ca**o di anni: siete ipocriti”. Il reporter Vittorio Rangeloni porta una testimonianza concreta...

Eugenio Miccoli

Ucraina, futuro di una guerra o grossa bolla di sapone? Dall'inizio della campagna militare lo staff di MePiù sta monitorando l’evento storico che sta...