Connect with us

Hi, what are you looking for?

Articoli

IL LOBBYING AGGRESSIVO DI BIG TECH: NELLA TERRA DEI CANGURI FACEBOOK BLOCCA E GOOGLE CHIUDE ACCORDI

Ai cittadini australiani è stato impedito l’accesso alle notizie su Facebook, a seguito dello scontro tra il gigante dei social media e il governo federale. Secondo la Bbc, pare che da ieri gli utenti australiani non possono più accedere alle pagine Fb dei media australiani o esteri e di numerosi servizi governativi.

Gli utenti australiani, non possono né condividere né leggere sulla piattaforma di Zuckerberg notizie locali e internazionali. Big tech intensifica la sua campagna contro i piani del governo per costringere i giganti della tecnologia a pagare gli editori per i loro contenuti di notizie.

“La proposta di legge fondamentalmente fraintende il rapporto tra la nostra piattaforma e gli editori che la utilizzano per condividere contenuti di notizie”, ha detto Facebook in un post sul blog che annunciava la mossa; insistendo così col definire il suo rapporto con l’industria dell’informazione, un rapporto fondamentalmente diverso.

Gli editori scelgono volentieri di pubblicare notizie su Facebook, in quanto consente loro di vendere più abbonamenti, aumentare il loro pubblico e aumentare le entrate pubblicitarie”, ha affermato, osservando che nel 2020 la piattaforma ha generato 5,1 miliardi di referral che hanno guadagnato circa 407 milioni di dollari australiani ($ 315 m) per gli editori. “Ci ha lasciato di fronte a una scelta netta: tentare di rispettare una legge che ignora la realtà di questo rapporto, o smettere di consentire contenuti di notizie sui nostri servizi in Australia”.

La legge australiana li costringerebbe a concludere accordi con le società dei media o imporre loro delle tariffe.  Google risponde minacciando così di ritirare i suoi servizi di ricerca dall’Australia, ma allo stesso tempo ha anche iniziato a garantire accordi sulla condivisione delle entrate con gli editori. La pagina dell’emittente del servizio pubblico, l’Australian Broadcasting Corporation, è diventata oscura e anche le pagine dei servizi essenziali, comprese le autorità sanitarie, sono state bloccate. 

L’improvvisa mossa di Facebook per bloccare i contenuti delle notizie, naturalmente ha suscitato indignazione, poiché anche alcune pagine del governo e di risposta alle emergenze, comprese le autorità sanitarie, i vigili del fuoco e la polizia sono diventate oscure. 

Il tesoriere australiano Josh Frydenberg, che in precedenza aveva dichiarato di aver avuto una “discussione costruttiva” con l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg sulla legge, ha condannato la mossa della piattaforma.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Facebook si sbagliava”, ha detto ai giornalisti. “Le azioni di Facebook non erano necessarie, erano pesanti e ne danneggerebbero la reputazione qui in Australia” “Le azioni di Facebook oggi possono essere meglio comprese come uno sforzo di lobbying aggressivo”, ha scritto su Twitter il giornalista americano Judd Legum. “Sta dimostrando al governo australiano che è disposto a portare a termine il divieto. Difficile far quadrare questo approccio a mani nude con il presunto impegno dell’azienda per la libertà di parola “.

Riportiamo un Twitt di Anthony Albanese (membro del parlamento AUS) del 18 Febbraio 2021 : “Durante una pandemia globale, gli australiani non possono accedere ai dipartimenti sanitari statali su Facebook. In un giorno di allarmi, inondazioni e incendi nel Queensland e in WA, gli australiani non possono accedere al Bureau of Meteorology su Facebook. Il governo Morrison deve risolvere questo problema oggi”.

Google, nel frattempo, si è assicurata accordi con editori nel Regno Unito, Germania, Francia, Brasile e Argentina per il suo prodotto Google News Showcase, e mercoledì ha raggiunto un accordo globale di riferimento con News Corp di Rupert Murdoch, proprietario del Wall Street Journal e due-terzi dei principali quotidiani cittadini australiani, per sviluppare una piattaforma di abbonamento e condividere gli introiti pubblicitari. News Corp è stata criticata anche in Australia per il suo dominio nell’industria dell’informazione.

Facebook, che è stato a lungo criticato per aver consentito alla disinformazione di prosperare sulle sue piattaforme, ora si ritrova a bloccare i media che hanno fornito un controllo dei fatti su informazioni false.

Questa azione dimostra ancora una volta la posizione di monopolio e il comportamento irragionevole di Big Tech; Ma in questi casi ci vien da dire “Chi la fa l’aspetti!

                                                                                   Alessandra Gargano Mc Leod

Advertisement. Scroll to continue reading.

Sostieni il nostro lavoro

IBAN:  IT87S0760103200000062388889 

INTESTATO A:  Eugenio Miccoli 

BANCA:  Poste Italiane Spa 

CAUSALE:  Donazione 

 

Se hai difficoltà o per metodi di pagamento differenti, contattaci a sostieni@mepiu.it

Lasciaci il tuo contatto per poterti ringraziare a questo link  QUI

paypal o carte

Archivio protetto

Ti potrebbe interessare anche

Articoli

Alcuni casi di miocardite, infiammazione del cuore, potrebbero essere legati al vaccino Pfizer. Lo ha reso noto il ministero della sanità israeliana, dopo aver...

Africa

8.000 militari, per la metà statunitensi, con circa 200 carrarmati, cannoni semoventi, aerei e navi da guerra. Tra i partecipanti vi sono oltre il...

Articoli

Uno scienziato militare cinese, Zhou Yusen, morto nel maggio dello scorso anno, aveva depositato un brevetto per un vaccino contro il Covid-19 già a...

ARTE

L'ennesimo dono di un essere umano ad una umanità a cui non appartiene. Un viaggio dentro galassie che di trasformano in ingranaggi di universi...

Advertisement