Connect with us

Hi, what are you looking for?

compresse

IL CIELO NERO SOPRA BERLINO // Settepiù in compresse. Edizione del 19/11/2020

Il parlamento tedesco approva la “Legge per la protezione della popolazione”, che prevede una serie di restrizioni a tutte le libertà fondamentali dei cittadini, sancite dalla Costituzione antifascista della Germania.

Il parlamento tedesco approva la “Legge per la protezione della popolazione”, che prevede una serie di restrizioni a tutte le libertà fondamentali dei cittadini, sancite dalla Costituzione antifascista della Germania. Mentre il Bundestag approvava il progetto di legge migliaia di cittadini sono scesi a  manifestare, sotto la Porta di Brandeburgo, bersagliati dagli idranti della polizia e dai gas lacrimogeni ed ovviamente la stampa, italiana e non solo, li ha descritti come “negazionisti” e “complottisti di estrema destra”

Sui principali giornali italiani se ne è parlato poco e in termini fuorvianti, ma il 18 di ottobre migliaia di cittadini tedeschi hanno manifestato, davanti alla Porta di Brandeburgo, cercando di raggiungere i palazzi del potere della prima potenza economica del vecchio continente. Repubblica e il Corriere, nelle loro edizioni on line, hanno accennato a manifestazioni di negazionisti, no mask e estrema destra a Berlino, concentrando l’attenzione sul fermo di oltre 100 manifestanti. L’Huffington Post ha mostrato il video della manifestazione, senza commento, e titolando “proteste anti Covid a Berlino”. Quello che la stampa non dice è la ragione dell’imponente manifestazione che ha sfidato i divieti della polizia e che ha costretto la polizia ad usare gli idranti sulla folla e ad utilizzare i gas lacrimogeni e gli spray al peperoncino, nella speranza di disperdere l’immensa folla.

Ciò che le press-titute, i professionisti della stampa prostituita al potere, non vogliono farci sapere è che i cittadini tedeschi sono scesi in piazza per difendere le libertà costituzionali, sotto attacco da parte di una nuova legge, varata il 18 novembre con 415 voti favorevoli, 236 contrari e 8 astenuti, che conferisce al governo i famigerati “pieni poteri” e, di fatto, sospende la Costituzione: la cosidetta  “legge per la protezione della popolazione”. A raccontare il contenuto della legge, lanciando l’allarme molto tempo prima che venisse approvata, è stato però Michael Mross, un blogger ed editore, in un video che è divenuto virale ed è stato tradotto in moltissime lingue. 

La legge in questione prevede all’articolo 7  la restrizione dei diritti fondamentali in una serie di ambiti. In Germania, quindi, non sono più intoccabili i diritti fondamentali della libertà personale, di riunione, di circolazione e dell’inviolabilità del domicilio. Anche l’integrità della persona viene limitata, dunque sono consentiti trattamenti sanitari o analisi cliniche anche contro la volontà del soggetto interessato. Vengono limitati i contatti anche nelle case private e, ovviamente, è previsto l’obbligo delle mascherine. Vietati o limitati tutti gli eventi culturali, sportivi e ricreativi ed è inoltre prevista la chiusura di esercizi commerciali e di attività produttive. In caso di necessità si possono limitare o vietare anche le funzioni religiose.

Non basta, al punto 12 la proposta di legge prevede, inspiegabilmente, il divieto e la distribuzione di bevande alcoliche, che saranno commercializzabili solo in determinate ore da parte di esercizi specifici, sotto il controllo del governo. La legge accenna anche a nuovi strumenti ci controllo e monitoraggio della popolazione, dei suoi spostamenti e dei suoi dati sensibili. Ad opporsi in maniera chiara sono stati solo i parlamentari dell’ADF, il partito descritto come neonazista, di estrema destra ed eversivo, ma che è rimasto l’unico, nel parlamento tedesco, a difendere la Costituzione antifascista, mentre i partiti “democratici” ed europeisti approvano e plaudono a una legge che ricorda, molto da vicino, la legge dei pieni poteri del 1933, che aprì la strada a uno dei regimi più feroci e sanguinari che la storia ricordi.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Sostieni il nostro lavoro

IBAN:  IT87S0760103200000062388889 

INTESTATO A:  Eugenio Miccoli 

BANCA:  Poste Italiane Spa 

CAUSALE:  Donazione 

 

Se hai difficoltà o per metodi di pagamento differenti, contattaci a sostieni@mepiu.it

paypal o carte

Sostegno ricorrente e Membership

Ti potrebbe interessare anche

Sticky Post

L'intervista verrà trasmessa Lunedì 11 ottobre 2021 alle ore 20.15. Come agire dinanzi alla privazione della libertà dell’individuo? Perché la nostra nazione sembra avere...

educazione

Come agire dinanzi alla privazione della libertà dell’individuo? Perché la nostra nazione sembra avere un ruolo centrale nell’esperimento sociale in corso? Queste alcune delle...

educazione

Mario Draghi non ha nessuna voglia di tornare sulle sue posizione, questo perché il suo governo crollerebbe in 10 minuti perché il potere che...

Sticky Post

"Il mio problema è che quando mi fanno una domanda, io mi sento obbligato a rispondere." MePiù non ha ritirato la sua domanda, quindi...

Advertisement