Connect with us

Hi, what are you looking for?

Eugenio Miccoli

Algoritmi, manipolazione e media: un libro dell’800 spiegava già tutto.

Un libro dell’800 spiegava già bene tutto quello che oggi vediamo applicato con gli algoritmi nel campo della manipolazione, anche con l’utilizzo dei media.

Un libro dell’800 spiegava già bene tutto quello che oggi vediamo applicato con gli algoritmi nel campo della manipolazione, anche con l’utilizzo dei media. Giò Fumagalli ed Eugenio Miccoli aprono un dibattito sulle “folle” e sulla loro evoluzione, presentando la nuovissima traduzione di “Psicologia delle Folle” di Gustave Le Bon, per le Edizioni The Strategic Club. Un viaggio all’interno del più antico manuale sulla manipolazione mentale di massa, tra nuovissimi approfondimenti e analogie con l’attualità.

Acquista questo libro:
clicca sulla copertina

Lo svanire della personalità cosciente, la nascita di un’anima collettiva passeggera, la cosiddetta “folla psicologica”, i concetti di autoreferenzialità, contagiosità e suggestionabilità, ovvero le tre caratteristiche cardini della folla: tutti aspetti fondamentali che Le Bon, ha captato nell’Ottocento, ma ancora attualissimi in quest’epoca digitale, più di quanto non lo siano stati al tempo dei vari Roosevelt, Mussolini e Lenin.

Questa la domanda focale: “Penseresti di essere membro di una ‘folla’ mentre sei sul divano di casa tua e stai scorrendo i post sul tuo social media preferito?” Naturalmente la maggior parte delle persone risponderebbe un secco “no”. L’immagine tradizionale che viene in mente quando evochiamo la parola folla è quella di una massa informe ma compatta di persone, generalmente all’aperto. Nessuno si immagina invece una persona singola, isolata dall’ambiente circostante e concentrata sullo schermo del proprio telefono. 

Eppure noi, mentre partecipiamo ai grandi processi della vita digitale moderna, siamo, di fatto, parte di una o più folle. Tutto quello che Le Bon, ha teorizzato sulle folle fisiche, si applica perfettamente anche agli agglomerati di persone online: le “folle digitali”, appunto. 

Psicologia delle folle” rappresenta infatti uno strumento atemporale e universale, non relegabile quindi soltanto all’interno di un preciso contesto storico. Questo dibattito formativo sarà utile per comprendere le tecniche di manipolazione di massa ed essere pronti a saper discernere. Dopotutto come spiega Giò Fumagalli: “Quando l’uomo con Le Bon incontra l’uomo senza Le Bon, l’uomo senza Le Bon è un uomo morto”.

COPIA DATI PER BONIFICO

IT87S0760103200000062388889 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX Banca: Poste italiane Spa A favore di: Eugenio Miccoli Causale: Donazione

Se hai difficoltà, contattaci a sostieni@mepiu.it

Criptovalute QUI

Da non perdere

eventi

Giovedì 9 febbraio dalle 18:30 presso il caffè letterario Horafelix in via Reggio Emilia n. 89 in Roma, si terrà la presentazione del libro...

Africa

Nelle ultime ore è rimbalzata nei media la notizia dell'innalzamento della tensione fra Rwanda e Rep. Dem. del Congo. I due paesi sono da...

Articoli

Giuliano Castellino, per anni in Forza Nuova, ha recentemente fondato il movimento politico "Italia Libera". Tuttavia questa è stata solo l'ultima delle sue metamorfosi...

Sticky Post

Cos’hanno in comune la polizia segreta degli zar, l’omicidio Moro, un ex hacker vietnamita e la sicurezza degli attivisti digitali nell’era di Assange? Cosa...

Articoli

La scoperta di un giacimento di terre rare in Svezia potrebbe rappresentare una opportunità per l'Europa di non dipendere dall'approvvigionamento cinese. Tuttavia, la mancanza...