Connect with us

Hi, what are you looking for?

Articoli

TUTTO SU XYLELLA: la desertificazione economica, ambientale e sociale del Salento. Paride Sammarco

Un paesaggio irriconoscibile. Foreste di monumenti ridotte a cimiteri. Un pezzo d’Italia piegato dal un altro “nemico invisibile” che fa molto meno clamore mediatico. Il Salento ha subito e continua a subire, una devastazione economica, ambientale e sociale senza precedenti, a causa dell’impatto di quel fenomeno che conosciamo tutti bene con il nome di Xylella.

Un paesaggio irriconoscibile. Foreste di monumenti ridotte a cimiteri. Un pezzo d’Italia piegato dal un altro “nemico invisibile” che fa molto meno clamore mediatico. Il Salento ha subito e continua a subire, una devastazione economica, ambientale e sociale senza precedenti, a causa dell’impatto di quel fenomeno che conosciamo tutti bene con il nome di Xylella.

Ma la Xylella non è solo un batterio: come ultimamente siamo abituati a vedere con altri eventi di questo genere, il suo impatto non viene subìto solo dalla pianta che viene “infettata” ma anche da tutto il contesto ambientale, sociale ed economico che la ospita. Questa “infezione” trova la manifestazione più evidente nella “bruciacchiatura” delle chiome di queste piante, un tempo arbusti, coltivati per secoli, hanno accompagnato la popolazione salentina, e tutta quella italiana e mediterranea nel tempo, dando molto di più di quello che richiedono. Simbolo di prosperità, di comunanza, di mutualità, oggi viene ridotto a mero strumento di guadagno per multinazionali e affaristi. Siamo stati nell’azienda agricola “Li Matonni” a Erchie a due passi da Manduria, tra ulivi secolari di straordinaria bellezza e resti messapici di antica memoria, nel cuore della regione ionico-salentina in provincia di Brindisi. Paride Sammarco e il fratello Ascanio sono produttori di olio biologico da prima che esistessero le certificazioni “bio”. Il primo biologo ed agricoltore, proprietario dell’azienda insieme al fratello, agrotecnico, abbiamo ripercorso la storia della Xylella dalla sua prima apparizione in Puglia nel 2008, fino all’arrivo dall’anno scorso nella loro zona. Oltre che parlare di quando scritto sopra, in questa intervista realizzata da Eugenio Miccoli in esclusiva su MePiù durante una delle tappe del MeTour2020 grazie al sostegno degli utenti, abbiamo indagato le possibili cause, i rimedi e metodi di prevenzione.

COPIA DATI PER BONIFICO

IT87S0760103200000062388889 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX Banca: Poste italiane Spa A favore di: Eugenio Miccoli Causale: Donazione

Se hai difficoltà, contattaci a sostieni@mepiu.it

Criptovalute QUI

Da non perdere

Chat Vocali

"In Ucraina stanno ai livelli della Gestapo, solo perché qualcuno è simpatizzante della Russia lo torturano e poi viene ucciso. Vi sembra nomale che...

Dal vivo

Manifestazione 'Viva Mattei? organizzata dal 'Fronte del Dissenso'. Bologna 17/09/2022. Non pagare le bollette di Draghi. Nazionalizzare ENI ed ENEL. Fuori l'Italia dalla guerra...

Chat Vocali

"Dobbiamo pensare al 26 Settembre: la situazione è molto grave e non possiamo permetterci di non ritrovare l'unione creata nelle piazze di questi ultimi...

scienza

Da oggi dobbiamo azzerare la storia e ricominciare da capo. Con il 'Radar ad apertura sintetica' possiamo vedere fino a otto chilometri sotto la...

Dal vivo

"Bisogna andare a votare almeno per riconoscere chi si è speso ai banchetti per i partiti antisistema, io comunque rispetto e non insulto chi...