Connect with us

Hi, what are you looking for?

Articoli

Oltre la rete – I collettivi contro le servitù militari

L’esercitazione ‘Mare Aperto 2022’ è solo un altro nuovo buon motivo per protestare contro l’incombenza delle servitù. Si è tenuta l’attesa manifestazione del 22 maggio partita dal centro di Sant’Anna Arresi per lambire il poligono di Teulada. Dopo l’arrivo a uno degli ingressi, il corteo ha fatto marcia indietro per poter dare luogo all’azione del taglio delle reti con simbolico ingresso nel poligono.

Sotto un sole cocente, la desolazione attorno ad altissime reti e divieti d’accesso, si è tenuta l’attesa manifestazione del 22 maggio partita dal centro di Sant’Anna Arresi per lambire il poligono di Teulada. L’esercitazione ‘Mare Aperto 2022’ è solo un altro nuovo buon motivo per protestare contro l’incombenza delle servitù.

Presenti anche rappresentanti di collettivi d’oltre mare, nello specifico l’intervento di un attivista del NoMUOS – il coordinamento che lotta contro l’installazione del sistema di comunicazioni satellitari militari, gestito dal Dipartimento della Difesa USA, nel sud dell’isola di Sicilia – che ha espresso solidarietà, con la presenza e la partecipazione alla lotta.

Il corteo è partito alle 13.30 con temperature veramente sconcertanti che non hanno però scoraggiato in alcun modo gli attivisti. Hanno proceduto in maniera composita, con attenzione reciproca e manifestato la propria contrarietà alla presenza militare nell’isola considerata una vera e propria invasione. Grosso il dispiegamento di Forze dell’ordine tra Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, l’immancabile Esercito con motociclette, elicottero e droni al seguito.

Presente anche l’informazione mainstream locale e italiana i cui operatori, ben equipaggiati, hanno seguito il corteo dietro le Forze dell’ordine, dentro le auto con l’aria condizionata accesa, sempre prontamente presenti durante i momenti nei quali poter esprimere al meglio il loro collaborazionismo.

Dopo l’arrivo a uno degli ingressi, infatti il corteo ha fatto marcia indietro per poter dare luogo all’azione del taglio delle reti con simbolico ingresso nel poligono. Non si sono verificati scontri e si è poi proceduto con il rientro verso il luogo dell’adunata iniziale.

Una giornata faticosa con condizioni climatiche non agevoli, soprattutto per gli attivisti che hanno dimostrato di non temere alcunché nel manifestare il proprio dissenso, nonostante la strumentalizzazione e criminalizzazione.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Ogni giorno decine di migliaia di persone raggiungono i nostri contenuti. Sappiamo che il momento non è dei migliori ma abbiamo deciso di programmare alcune produzioni da realizzare nei prossimi mesi. Quei contenuti più impegnativi che sapete essere nelle nostre corde. Ma per poterlo fare abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Se puoi, attiva una donazione ricorrente, anche piccola. Fallo adesso prima che passi anche questa giornata, il nostro lavoro è finanziato solo da voi, per forza e per scelta. Un grazie a chi lo ha fatto fino ad ora e chi vorrà aggiungere la sua goccia in questo fiume. mepiu.it/sostieni

CON BONIFICO

IT87S0760103200000062388889 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX Banca: Poste italiane Spa A favore di: Eugenio Miccoli Causale: Donazione

Criptovalute QUI

Se hai difficoltà, contattaci a sostieni@mepiu.it

Da non perdere

Articoli

La Sardegna risente profondamente dell’onere delle servitù militari sin dall’immediato dopoguerra. Questo non è un problema collocabile esclusivamente nel contesto geopolitico attuale, è un...

Articoli

Il 9 maggio si sono riunite, in via Caetani, le alte cariche dello Stato per la Commemorazione del 44esimo anniversario della morte dell’On Aldo...

INCHIESTA

"Presidente, lei o la smette o la pagherà cara, molto cara". Queste le parole che Henry Kissinger disse a Moro. MORO-LEAKS: La più completa...

Articoli

Da quando è iniziata la guerra in Ucraina, Germania (di più) e Italia (di meno) si sono contraddistinte in un atteggiamento che, al di...

Articoli

Già da domenica scorsa in serata, ma soprattutto lunedì 14 gli autotrasportatori sardi si sono fermati. La loro non è una semplice protesta. Abbiamo...