Connect with us

Hi, what are you looking for?

Articoli

MUORE IL FAMOSO DJ: I SALUTI A CLAUDIO COCCOLUTO

Si è spento ieri notte a Cassino, nella sua abitazione, il dj di fama mondiale Claudio Coccoluto.

Si è spento ieri notte a Cassino, nella sua abitazione, il dj di fama mondiale Claudio Coccoluto. Conosciuto in tutto il mondo per la sua musica da discoteca, Coccoluto aveva 59 anni e da un anno combatteva contro una grave malattia che lo aveva colpito da un anno, questa la causa della morte del Dj che se ne è andato davvero troppo presto.

“Con Claudio Coccoluto scompare un protagonista della scena creativa italiana e internazionale che con le sue note e la sua musica all’avanguardia ha fatto ballare intere generazioni di ragazzi e ragazze. Un artista che amava la contaminazione delle arti. “Mancherà a tutti noi“, ha dichiarato il ministro della cultura, Dario Franceschini. Sui social il mondo della musica piange il dj. Tra i primi a rendergli omaggio è Linus: “In ogni mestiere ci sono quelli bravi, quelli molto bravi, e i fuoriclasse. Claudio era uno di questi. Felice di esserti stato amico, spero finalmente tu sia sereno”.

Dj Ringo pubblica su Twitter e su Instagram una serie di foto che ritraggono i due dj insieme, accompagnate da una didascalia: “Ti voglio ricordare così Cocco.. L’ultimo #DjSet insieme.. Ora sarai lassù a cercare un posto figo per suonare in mezzo alle nuvole.. Già mi vedo gli angeli che ballano per la tua meravigliosa musica.. Addio Cocco, mancherai”.

Per Andrea Delogu Coccoluto era “Il maestro. Un uomo che ha regalato la classe che mancava al mestiere del produttore e del dj. Un uomo che ha fatto la storia della musica elettronica”. Della stessa opinione è anche Ermal Meta che commenta: “La musica perde un altro dei suoi figli. Claudio era un vero signore. Rip”.

Simona Ventura si dice “incredula e dispiaciuta. Mi ricorderai sempre la tua musica e i tuoi colori, il divertimento di un’epoca che siamo fortunati ad avere vissuto”. “Ci farai ballare da lassù. E noi balleremo per te”, promette Alessia Marcuzzi. Mentre Luca Tomassini scrive: “Addio super Claudio. Fai ballare Dio come hai fatto ballare il mondo” .Cordoglio social anche dalla Fimi, la Federazione Industria Musicale Italiana: “Buon viaggio, Claudio #Coccoluto. Grazie per aver fatto risuonare la musica nei club di tutta Italia e del mondo”.

Il ricordo di Linus di Radio Dejay:

Advertisement. Scroll to continue reading.

“Questa mattina è arrivata la notizia che non vorresti mai sentire. Stamattina avevo pensato che avrei voluto iniziare come un sit-com, parlando degli applausi finti a Sanremo. Ma è arrivata la scomparsa di Claudio Coccoluto, uno dei più apprezzati e storici dj italiani. Si sapeva che stava male da tempo, che negli ultimi giorni si era aggravato. Ma poi quando arriva la notizia ti ferisce. Claudio è stato in qualunque campo, in qualunque mestiere, un fuoriclasse. I fuoriclasse sono quelli che lasciano il segno. Ho sempre scherzato sul suo cognome: un cognome così bizzarro e curioso è diventato, grazie alla sua bravura, un marchio di fabbrica.”

Sostieni il nostro lavoro

IBAN:  IT87S0760103200000062388889 

INTESTATO A:  Eugenio Miccoli 

BANCA:  Poste Italiane Spa 

CAUSALE:  Donazione 

 

Se hai difficoltà o per metodi di pagamento differenti, contattaci a sostieni@mepiu.it

paypal o carte

Sostegno ricorrente e Membership

Ti potrebbe interessare anche

Sticky Post

L'intervista verrà trasmessa Lunedì 11 ottobre 2021 alle ore 20.15. Come agire dinanzi alla privazione della libertà dell’individuo? Perché la nostra nazione sembra avere...

educazione

Come agire dinanzi alla privazione della libertà dell’individuo? Perché la nostra nazione sembra avere un ruolo centrale nell’esperimento sociale in corso? Queste alcune delle...

educazione

Mario Draghi non ha nessuna voglia di tornare sulle sue posizione, questo perché il suo governo crollerebbe in 10 minuti perché il potere che...

Sticky Post

"Il mio problema è che quando mi fanno una domanda, io mi sento obbligato a rispondere." MePiù non ha ritirato la sua domanda, quindi...

Advertisement