Dom. Gen 24th, 2021

L’ultimo discorso pubblico di Jack Ma, fondatore di Alibaba, avuto luogo il 24 ottobre al Summit “Bund finance” di Shanghai. Nel discorso, principalmente orientato sull’innovazione e sul futuro, si è azzardato a criticare, soprattutto nel punto due e nel punto tre, il sistema bancario attuale e il suo modus operandi, nominando anche Organizzazioni come l’ONU e OMS e suggerendo alcuni cambiamenti. Riportiamo di seguito il discorso di Jack Ma tradotto in italiano utilizzando una trascrizione in inglese realizzata da un giornalista, non meglio specificato, che ha seguito il vertice.

Jack Ma, fondatore di Alibaba.

“Grazie, organizzatori di questo vertice, per questo invito.
Che piacere avere questa opportunità d’imparare, scambiare opinioni ed esplorare alcuni problemi con tutti voi. È stato nel 2013, che sempre in questa città, ho tenuto un discorso sulla finanza di Internet, presentando visioni che sono state descritte come “voli di fantasia” al vertice finanziario di Lujiazui a Shanghai. Sono passati sette anni e oggi, da non professionista senza alcun titolo ufficiale, sono tornato a Shanghai in questa occasione – il Vertice del Bund – con alcune altre opinioni che spero possano dare spunti di riflessione a tutti voi. Ad essere sincero, avevo dubbi sull’opportunità di venire qui e tenere questo discorso oggi. Ma pensavo che le persone come me abbiano l’inevitabile responsabilità di pensare al futuro. Questo mondo ci ha fornito molte opportunità, ma solo una o due di esse sono cruciali. Ora siamo arrivati ​​al momento più cruciale.

Ecco perché sono venuto qui per condividere le mie opinioni. Sono alcune conclusioni tratte dalla nostra esperienza pratica di 16 anni. Inoltre, ho avuto la fortuna di co-presiedere il gruppo di alto livello delle Nazioni Unite sulla cooperazione digitale e di lavorare come sostenitore del gruppo di obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, che mi ha permesso di esplorare e indagare su questioni con studiosi, esperti e persone che hanno messo in pratica idee da tutto il mondo.

Quello che penso è che io, come un uomo quasi in pensione, posso esprimere la mia opinione liberamente e senza restrizioni in questo forum non ufficiale, condividendo alcune opinioni non professionali di un non professionista. Fortunatamente, ho scoperto che molti professionisti non parlano più di questioni professionali.
Qui ho tre punti di vista su cui riflettere. Potrebbero essere immaturi, imprecisi o addirittura ridicoli. Puoi ascoltarli senza prenderli sul serio e dimenticarti di loro se pensi che non siano corretti.

La mia prima opinione è che siamo rimasti bloccati in alcuni modi di pensare abituali. Ad esempio, riteniamo sempre che per essere in linea con gli standard internazionali, sia necessario che il nostro Paese raggiunga ciò che i Paesi sviluppati in Europa e in America hanno raggiunto. Vediamo ciò che non abbiamo come lacune che devono essere colmate. Trattiamo il riempimento di queste lacune come i nostri obiettivi. È stato mio parere che, data la situazione di quest’anno, parlare di “colmare le lacune” sia problematico. Non è vero che tutto ciò che è disponibile in Europa o in America sia avanzato e presenti un’area in cui dobbiamo colmare il divario. In effetti, al giorno d’oggi, non dovremmo parlare di essere in linea con questo o quello, di soddisfare gli standard di questo o quel Paese, o di colmare questo o quel divario.

Quello a cui dobbiamo pensare è come connetterci con il futuro, come soddisfare gli standard del futuro e come colmare le lacune del futuro. Dobbiamo essere chiari su quello che sarà il futuro e su cosa vogliamo fare effettivamente. Quindi guardiamo a come lo fanno le altre persone. Se ripetiamo continuamente il linguaggio degli altri e discutiamo gli argomenti scelti da altri, non solo ci perderemo nel presente, ma perderemo anche il futuro. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, il compito del mondo era ripristinare la prosperità economica. La creazione del sistema di Bretton Woods è stata una delle principali forze trainanti della crescita economica globale. Dopo la crisi finanziaria asiatica, l’attenzione si è concentrata sempre più sul controllo del rischio, l’obiettivo stesso degli accordi di Basilea. Gli accordi sono diventati il ​​gold standard per il controllo del rischio. Ora, in tutto il mondo, c’è una tendenza verso una maggiore attenzione al controllo del rischio, ma non allo sviluppo. Pochissime persone parlano di opportunità per le giovani generazioni o di dove si trovano le opportunità nei Paesi in via di sviluppo. In effetti, questa è stata l’origine dei tanti problemi che stiamo affrontando oggi.

Oggi possiamo vedere che gli accordi di Basilea hanno limitato notevolmente l’innovazione nel suo insieme in Europa in settori come la finanza digitale. Gli accordi di Basilea sono un po’ come un club di anziani. Il loro scopo è di risolvere i problemi dell’invecchiamento dei sistemi finanziari che esistono da decenni. Questi sistemi europei sono estremamente complessi. Ma la Cina sta affrontando il problema opposto. Non si tratta di rischi finanziari sistemici, perché in realtà non esiste un sistema finanziario in Cina. In realtà, quello che la Cina sta affrontando è il rischio della “mancanza di un sistema finanziario”. La finanza cinese è come quella di altri Paesi in via di sviluppo alle prime armi. Siamo i giovani, per così dire, quando si tratta del settore finanziario. Non abbiamo un ecosistema a tutti gli effetti e completamente funzionante. Ci sono molte grandi banche in Cina, che sono come grandi fiumi o arterie che trasportano sangue.

Ma oggi abbiamo un maggiore bisogno di laghi, bacini artificiali, piccoli ruscelli, fiumi e tutti i tipi di paludi. Senza questi componenti di un ecosistema, anneghiamo in tempi di inondazioni e moriamo di sete in tempi di siccità. In altre parole, il nostro Paese sta affrontando un rischio rappresentato dalla mancanza di un sistema finanziario sano – e abbiamo bisogno di costruire un sistema finanziario sano – ma non dai rischi finanziari del sistema. Questi due tipi di rischi sono come due malattie completamente diverse. Prendiamo, ad esempio, il morbo di Alzheimer e la poliomielite. Sembrano uguali ma sono completamente diversi. Un bambino che ha assunto farmaci per curare la malattia di Alzheimer soffrirà non solo di una malattia degli anziani, ma anche di molte strane condizioni. Gli Accordi di Basilea affrontano i problemi dell’invecchiamento dei sistemi, ovvero le questioni eccessivamente complesse degli anziani. Dobbiamo pensare a cosa imparare dagli anziani. Dobbiamo capire che i vecchi e i giovani hanno preoccupazioni diverse. I giovani sono preoccupati per la presenza di scuole in una città. Per le persone anziane, sono gli ospedali che contano.

Quest’anno, il nostro mondo ha assistito ad alcuni cambiamenti molto magici e rapidi. Ieri sera a Shanghai, abbiamo deciso il prezzo dell’IPO di Ant Group. Il prezzo era stato fissato per la più grande IPO nella storia umana. Inoltre, per la prima volta in assoluto, era ambientato in una città diversa da New York. Nessuno avrebbe potuto osare immaginare un simile scenario cinque – o anche tre – anni fa. Ma un miracolo è avvenuto in questo modo. In secondo luogo, l’innovazione ha un costo e la nostra generazione deve mostrare impegno. Il presidente Xi una volta ha detto: “il successo non deve dipendere da me”. Capisco questo detto come descrivere una sorta di responsabilità. Si tratta di assumersi la responsabilità per il futuro, il domani e la prossima generazione. Molti problemi nel mondo, compresi quelli in Cina, possono essere risolti solo attraverso l’innovazione.

Tuttavia, la vera innovazione deve essere pionieristica e intrapresa da coloro che mettono l’impegno. Perché l’innovazione deve comportare errori. La domanda non è cosa fare per evitare errori; è se possiamo migliorare e perfezionarci e insistere sull’innovazione dopo averne creata una. Innovare senza correre rischi è strangolare l’innovazione. Non esiste innovazione senza rischi al mondo. Molto spesso, il tentativo di ridurre al minimo il rischio a zero è il rischio più grande. Di ritorno nella battaglia delle Scogliere Rosse, Cao Cao incatenò tutte le sue navi da guerra da una prua all’altra. Questa, a mio avviso, è stata la prima concezione di una portaerei in Cina e nel mondo intero.

Per mille anni dopo che la flotta fu ridotta in cenere, nessuno in Cina osò pensarci più. Ogni volta che veniva in mente quell’inferno, chi poteva avere il coraggio di pensare di costruire una barca più grande o di pensare per sistemi? Sette o otto anni fa, ho proposto l’idea di “internet finance” quando ero anche io a Shanghai. Abbiamo sottolineato tre componenti fondamentali necessarie della finanza di Internet. Innanzitutto, un’abbondanza di informazioni. In secondo luogo, una tecnica di controllo del rischio basata su un’abbondanza di big data. Terzo, un sistema di crediti basato su un’abbondanza di big data.

Secondo questi criteri, il P2P non è assolutamente una finanza di Internet. Tuttavia, non possiamo negare il ruolo dell’innovazione nella finanza della tecnologia Internet semplicemente a causa del P2P. In effetti, pensiamo a questo: come hanno potuto migliaia di società finanziarie di Internet essere spuntate nel giro di diversi anni in Cina? Non dovremmo esaminare le ragioni alla base della nascita di migliaia di società finanziarie di Internet, le cosiddette società P2P?

La sorveglianza è davvero molto difficile oggigiorno; è molto difficile in qualsiasi parte del mondo. L’innovazione proviene principalmente dal mercato, dalla base e dai giovani. I regolamenti devono affrontare sfide sempre più grandi. Ma in realtà, i regolamenti possono essere divisi in due parti, vale a dire monitoraggio e controllo, e sono questioni completamente diverse. Il monitoraggio consiste nel guardare e prestare attenzione al proprio sviluppo, mentre il controllo viene eseguito solo quando qualcosa va storto o si prevede che vada storto. Tuttavia, ora abbiamo una situazione in cui la forza di controllo è molto forte, mentre la forza di monitoraggio è ovviamente inetta. Una buona innovazione può coesistere con i regolamenti, ma non con i regolamenti di ieri. Non possiamo gestire un aeroporto come gestiamo una stazione ferroviaria, né possiamo gestire il futuro come lo abbiamo gestito ieri.

“Monitoraggio” e “controllo” sono diversi, così come le “polices” non sono la stessa cosa dei documenti. Le miriadi di cose messe fuori legge oggi hanno a che fare con i documenti. Le polices sono la costruzione di meccanismi; il loro obiettivo è promuovere lo sviluppo. Oggi il mondo – in particolare la Cina – ha bisogno di molti “esperti di polices”, non di esperti di documenti. La formulazione delle polices è un’abilità. In effetti, per risolvere il problema della complessità sistemica, voglio condividere con voi come abbiamo fatto per Taobao. 17 anni fa, né la tecnologia, né le informazioni erano a nostra disposizione. Le nostre previsioni sul futuro non erano accurate e abbiamo elaborato molte regole che vietavano questo o quello. Ora abbiamo risolto questo problema attraverso la tecnologia. Siamo in grado di risolvere questi problemi sistemici.

Tuttavia, a molti giovani oggigiorno piace emettere ogni tipo di nuovo documento normativo dicendo no a questo o quello, proprio come gli organismi di regolamentazione. Poi ho trovato una soluzione chiamata “one-in-tre-out”. Quando si aggiunge una regola, bisogna rimuovere tre regole. Quindi i nostri documenti sono diventati sempre più brevi. Se non avessimo tolto alcune regole, il nostro regolamento sarebbe diventato sempre più spesso. Non sarebbe stato diverso dal costringere tutti a infrangere le regole e confondere tutti. Una teoria è diversa da un sistema. Un esperto è diverso da uno studioso. Nel nostro Paese confondiamo molti studiosi con esperti. Le persone diventano esperte attraverso la pratica. Sono bravi a fare le cose, ma non necessariamente a riassumere la loro esperienza. Molti studiosi non sono nell’arena da soli, ma sono in grado di riassumere l’esperienza di coloro che lo sono e di elaborare teorie.

Solo riunendo esperti e studiosi possiamo integrare le teorie con la pratica e innovare nel vero senso della parola per risolvere i problemi di oggi e di domani. A mio parere, abbiamo bisogno di teorie che provengono dalla pratica, non dalla pratica riassunta dai “teorici da poltrona”. In molti modi, il P2P ha avuto origine dalla pratica riassunta dai teorici da poltrona. Penso che dovremmo capire correttamente le grandi lezioni che abbiamo imparato dal P2P. Non neghiamo la tecnologia Internet. Ancora più importante, non dovremmo dare alla pratica dei teorici da poltrona un’altra possibilità. Ho notato un altro fenomeno. Mentre molti dipartimenti di regolamentazione in tutto il mondo sono diventati essi stessi privi di rischi, l’intera economia – così come la società nel suo insieme – è diventata rischiosa. La gara di domani sarà una gara di innovazione, non di capacità normative. Oggi tutti i Paesi competono per essere i regolatori più spietati e tutti gli sviluppi sono chiacchiere vuote. Ma le regole che vietano questo o quello sono affilate come rasoi.

Per quanto ne so, il “miglioramento della capacità di governare”, come menzionato dal presidente Xi, riguarda il mantenimento di uno sviluppo sano e sostenibile secondo regole ordinate. Non si tratta di non avere sviluppi regolamentari. I regolamenti non sono difficili di per sé. Ciò che è difficile è ottenere normative che mirino a mantenere uno sviluppo sostenibile e sano. I regolamenti dovrebbero mirare a raggiungere uno sviluppo sano. In terzo luogo, la finanza è per natura la gestione del credito. Dobbiamo farla finita con la mentalità del “banco dei pegni” della finanza odierna. Dobbiamo fare affidamento sullo sviluppo di un sistema creditizio. Le banche oggi sono ancora una continuazione della mentalità del banco dei pegni.

Un banco dei pegni riguarda impegni e garanzie. Ai vecchi tempi, un banco dei pegni era un’idea avanzata. Se non fosse stato per innovazioni come impegni e garanzie reali, oggi non ci sarebbero istituzioni finanziarie e l’economia cinese non si sarebbe sviluppata negli ultimi 40 anni fino a questo punto. Tuttavia, data la natura delle attività e delle garanzie, possono portarci all’estremo se ci affidiamo a loro. In qualità di presidente sia del China Entrepreneur Club e della General Association of Zhejiang Entrepreneurs, ho scambiato opinioni con molti imprenditori. Ho scoperto che la mentalità da banco dei pegni è un problema serio in Cina e ha colpito molti imprenditori. Questo è particolarmente vero quando gli imprenditori devono impegnare la totalità dei loro beni. Sono sotto un’enorme pressione e ciò che fanno diventa distorto.

Ci sono anche persone che prendono in prestito con negligente abbandono e continuano ad aumentare la loro leva finanziaria. Sappiamo tutti che quando prendi in prestito 100.000 yuan, diventi terrorizzato dalla banca. Quando prendi in prestito 10 milioni di yuan, sia tu che la tua banca siete un po’ terrorizzati. Quando prendi in prestito 1 miliardo di yuan, la tua banca è terrorizzata da te. Le banche hanno anche l’abitudine di prestare a buone società e a quelle che non hanno bisogno di prestiti. Si sforzano il più possibile di prestare. Di conseguenza, molte società diventano cattive e i prestiti diventano ogni sorta di investimento. In alcuni casi, il denaro viene persino speso per cose completamente in contrasto con ciò che sono queste società. Troppi soldi possono creare molti problemi. È impossibile per la mentalità del banco dei pegni dei collaterali sostenere ciò che lo sviluppo globale richiede alla finanza nei prossimi 30 anni. Dobbiamo sfruttare le nostre capacità tecnologiche oggi e costruire un sistema di crediti basato sui big data al posto della mentalità del banco dei pegni. Questo sistema di crediti non dovrebbe essere basato su infrastrutture IT convenzionali o società di conoscenza. Dovrebbe essere basato su big data per garantire che il credito sia davvero uguale alla ricchezza. Anche un mendicante deve avere un buon credito. Senza un buon credito, è impossibile persino mendicare il cibo. Penso che ogni mendicante abbia bisogno di avere un buon credito. Un nuovo sistema finanziario in cui innovazione e regolamentazione sono in armonia.

Infine, penso che il mondo di oggi sia in grande attesa di un nuovo sistema finanziario progettato per il futuro. Il sistema finanziario di oggi è un prodotto dell’era industriale. È stato creato per affrontare l’industrializzazione e soddisfare la regola 20/80. Qual è la regola del 20/80? Significa fare un investimento del 20% per risolvere l’80% dei problemi. Il futuro sistema finanziario deve supportare la teoria 80/20 per aiutare l’80% delle piccole imprese e dei giovani, così come il 20% delle persone in generale. La pratica passata delle persone e delle società in cerca di denaro deve essere trasformata e sostituita dalla nuova pratica del denaro in cerca di persone e società (quelle buone). L’unico criterio per valutare questo nuovo sistema è se è inclusivo, tollerante, verde e sostenibile. Big data, cloud computing e blockchain, le tecnologie in prima linea che supportano il nuovo sistema, hanno oggi sulle spalle enormi responsabilità.

Anche dopo la seconda guerra mondiale, le persone non avevano la visione di progettare un buon sistema finanziario per la prossima generazione e per il futuro. Oggi abbiamo la responsabilità di pensare e costruire un sistema finanziario che appartiene veramente al futuro, ai giovani, alla prossima generazione. Non è che non possiamo farlo. È che non l’abbiamo fatto. Lo sviluppo tecnologico oggi ci consente completamente di farlo. Ciò che è deplorevole è che molte persone non sono disposte a farlo. Il sistema finanziario di oggi deve essere riformato. Se non lo facciamo, non solo perderemo opportunità, ma il mondo potrebbe anche precipitare in un caos ancora maggiore. È normale che l’innovazione anticipi le normative. Tuttavia, quando l’innovazione è molto più avanti rispetto alle normative e quando la ricchezza e la profondità dell’innovazione sono ben oltre l’immaginazione delle normative, la situazione è anormale e la società e il mondo saranno nel caos. Prendi, ad esempio, le valute digitali. Se vogliamo costruire un sistema finanziario necessario al mondo 30 anni dopo con una visione, le valute digitali possono essere una componente fondamentale molto importante. È vero, le valute digitali non sono necessarie nella finanza di oggi. Ma saranno necessarie domani e in futuro. Decine di milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo e giovani avranno bisogno di loro. Dovremmo chiederci: quali sono i problemi pratici in futuro che dovranno essere risolti dalle valute digitali?

Le valute digitali tra dieci anni, potrebbero essere fondamentalmente diverse da quelle che vediamo oggi. Non dovremmo cercare queste nuove valute digitali nella storia, dal punto di vista delle normative o dagli istituti di ricerca. Dovremmo cercarle dai mercati, dal lato della domanda e nel futuro. Questa è una questione di grande importanza. I nostri istituti di ricerca non dovrebbero essere istituti politici. Né gli istituti di politica economica dovrebbero fare affidamento solo sui propri istituti di ricerca. Le valute digitali potrebbero ridefinire la valuta. Sebbene le funzioni principali delle valute possano continuare a vivere, le valute digitali ridefiniranno sicuramente le valute nel modo in cui gli iPhone hanno ridefinito i telefoni, al punto che effettuare una chiamata è solo una delle funzioni ora. Un tempo in cui lo standard è fissato dalle valute digitali è ancora molto lontano. Ora è il momento per le valute digitali di creare valore e per noi di pensare a come creare un nuovo sistema finanziario attraverso queste.

Dobbiamo pensare al futuro a nome del mondo intero. Dobbiamo pensare a come dovrebbe essere fatto il commercio globale. Ancora più importante, dobbiamo pensare alle valute digitali basate su tecnologie che resistono alle prove del mondo. È necessario risolvere i problemi riguardanti la sostenibilità, la compatibilità ambientale e l’inclusione finanziaria nel commercio globale. Questo è il motivo per cui voglio dire che la società umana ha raggiunto oggi il momento più critico. Non dobbiamo sottovalutare la pandemia. Come forza, ha stimolato il progresso sociale e, come tale, non è meno importante della seconda guerra mondiale. Da un punto di vista finanziario, a giudicare dal fatto che gli Stati Uniti hanno continuato a pompare denaro in diversi Paesi del mondo, a Wall Street e in ogni Paese che ha seguito l’esempio, abbiamo mai pensato alle conseguenze? Le immense conseguenze superano di gran lunga il livello tecnico delle questioni che abbiamo discusso oggi. Quando si tratta di molte organizzazioni nel mondo, non dovremmo semplicemente opporci. Invece, dovremmo pensare al loro valore oggi. È vero, dalle Nazioni Unite, dall’OMC all’OMS, queste organizzazioni sono problematiche. Ho affrontato, lavorato e collaborato con tutti loro. Tuttavia, l’eliminazione di queste organizzazioni non risolverà il problema. Dovremmo considerare come possono affrontare il futuro, riformarsi e riposizionarsi.

Un nuovo sistema finanziario sarà la strada da percorrere. Sorgerà indipendentemente dal fatto che ne siamo felici o no. Sarà costruito indipendentemente dal fatto che lo costruiamo o meno. In futuro, credo che la riforma arriverà con sacrifici. Avrà un costo. La nostra generazione deve intraprendere tale riforma. Forse i risultati saranno visti solo dalla prossima generazione. La nostra sarà quella che avanza, le nostre spalle piegate sotto il peso della responsabilità. Questa è un’opportunità presentata dalla storia e una responsabilità data dalla storia. Negli ultimi 16 anni, lo sviluppo di Ants Group ha ruotato intorno alla compatibilità ambientale, alla sostenibilità e all’inclusione finanziaria. Se una finanza rispettosa dell’ambiente, sostenibile e inclusiva fosse un errore, allora lo ripeteremo fino alla fine. “

LEGGI ANCHE:

POSSIAMO FARE INFORMAZIONE INDIPENDENTE GRAZIE AL TUO SOSTEGNO.
SE TROVI UTILE IL NOSTRO LAVORO, CONTRIBUISCI A MANTENERLO CONSTANTE:

ATTIVA UNA DONAZIONE RICORRENTE CON PAYPAL E CARTE UTILIZZANDO IL TASTO “DONA ORA”


ALTRI MODI PER SOSTENERCI:

IBAN E POSTEPAY SU: https://mepiu.it/sostieni

INVIA UNA SINGOLA DONAZIONE DI 20 EURO RAPIDAMENTE CON TUTTI I METODI DI PAGAMENTO,


Eugenio Miccoli

Di Eugenio Miccoli

Blogger, Video Maker e intervistatore. Fondatore e coordinatore di MePiù.

Un pensiero su “L’ULTIMO DISCORSO DI JACK MA PRIMA DELLA SUA SCOMPARSA, tradotto in Italiano.”

Rispondi