Connect with us

Hi, what are you looking for?

ESTERI

Lo sfogo e la commozione del reporter Vittorio Rangeloni: “Sono 8 ca**o di anni: siete ipocriti”

Lo sfogo e la commozione del reporter Vittorio Rangeloni: “Sono 8 ca**o di anni: siete ipocriti”. Il reporter Vittorio Rangeloni porta una testimonianza concreta del clima di tensione e incertezza completa che si vive a Donetsk. Mentre a pochi passi da casa sua i clangori della guerra riempiono cuori e orecchie di orrore, lui ricorda che non ci sono guerre per cui indignarsi e altre meno. Essere contro la guerra significa essere contro tutte le guerre.

“Venite ad aiutarci invece di commentare sul web!” Ucraino racconta la situazione attuale dal posto. Un cittadino ucraino denuncia la piega web del “armiamoci e partite” ovvero il classico pressapochismo di coloro che commentano con leggerezza davanti a una tragedia umanitaria come quella di una guerra. “Muore lo stesso popolo” dice il protagonista, si tratta una guerra fratricida

CON BONIFICO

IT87S0760103200000062388889 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX Banca: Poste italiane Spa A favore di: Eugenio Miccoli Causale: Donazione

Criptovalute QUI

Se hai difficoltà, contattaci a sostieni@mepiu.it

Da non perdere

Articoli

L’esercitazione ‘Mare Aperto 2022’ è solo un altro nuovo buon motivo per protestare contro l’incombenza delle servitù. Si è tenuta l’attesa manifestazione del 22...

Articoli

La Sardegna risente profondamente dell’onere delle servitù militari sin dall’immediato dopoguerra. Questo non è un problema collocabile esclusivamente nel contesto geopolitico attuale, è un...

Articoli

"Ho deciso di intitolare questo libro 'Io e Dio' perché, pronunciandolo a voce alta ci si avvede di come esso suoni anche come io...

guerra

Nel pubblico, alla conferenza del filosofo Giorgio Agamben a Firenze il 7 maggio, era presente Giorgio Bianchi - documentarista e reporter di guerra recentemente...

Articoli

Il 9 maggio si sono riunite, in via Caetani, le alte cariche dello Stato per la Commemorazione del 44esimo anniversario della morte dell’On Aldo...