Connect with us

Hi, what are you looking for?

italia

il Green Pass NON FUNZIONA e basta! (La bufala delle chiavi rubate)

Su internet si trovano Green Pass con nomi strampalati come Adolf Hitler e Mickey Mouse. I giornali in un primo momento hanno titolato che il sistema del Green pass era stato hackerato. Approfondendo il lato tecnico di come vengono generati i certificati, si scopre che in realtà le cose stanno diversamente.

Su internet si trovano Green Pass con nomi strampalati come Adolf Hitler e Mickey Mouse. I giornali in un primo momento hanno titolato che il sistema del Green pass era stato hackerato. Approfondendo il lato tecnico di come vengono generati i certificati, si scopre che in realtà le cose stanno diversamente.

La struttura dei certificati digitali sui cui si basa il green pass italiano, ed altri certificati verdi europei, come quello francese e svizzero, è fondata su un funzionamento di chiavi digital che permettono di autenticare un Green Pass. Quindi l’ipotesi iniziale è stata che qualcuno avesse rubato o generato queste chiavi per creare dei green pass dai nomi improbabili.

Secondo Matteo Flora, professore di CyberSecurity, queste chiavi però non sono state rubate per generare i Green Pass. Ciò che sta distruggendo l’affidabilità di questo documento digitale potrebbe essere avvenuto a causa di un’applicazione, creata appositamente per generare i Green Pass. L’applicazione si chiama “dgca-issuance-web” ed è accessibile a tutti gratuitamente tramite demo su Github, il webservice più famoso al mondo che fornisce servizi vari per progetti software. Questa applicazione è stata progettata per testare e generare i green pass attraverso il sistema  “EU Digital COVID Certificate Issuance” tradotto “Emissione di certificati covid europei digitali”. Ma analizzando il codice sorgente di questa applicazione di verifica, si nota una “falla titanica”: accedendo al portale e inserendo un qualunque nome, si genera un QR Code in anteprima che quando viene sottoposto a testing, risulta autentico. Quindi, il certificato di Adolf Hitler, divenuto famoso in questi giorni, ancor prima che si verifichi l’attuale esistenza della persona, viene già generato a priori e se verificato con una qualunque app, risulta valido. Così risulta indistinguibile un QR code generato con un nome fasullo, al pari di uno con nome reale.

Il fatto che sia crollato in così breve tempo questo nuovo sistema di controllo dei cittadini, fa pensare che questa struttura non sia stata progettata realmente per motivi sanitari, ma con il solo intento di mettere in atto il prima possibile un nuovo ordine di normalità. In sintesi per abituare il prima possibile il popolo occidentale ad una società di credito sociale, come  in Cina.

CON BONIFICO

IT87S0760103200000062388889 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX Banca: Poste italiane Spa A favore di: Eugenio Miccoli Causale: Donazione

Criptovalute QUI

Se hai difficoltà, contattaci a sostieni@mepiu.it

Da non perdere

Articoli

Il 9 maggio si sono riunite, in via Caetani, le alte cariche dello Stato per la Commemorazione del 44esimo anniversario della morte dell’On Aldo...

Articoli

Arrestato Nicola Franzoni per l’assalto alla sede della Cgil. Intervistato da Eugenio Miccoli il 16 novembre, si era dichiarato estraneo a quelle violenze.

Articoli

È la paura a rendere le persone individualiste, ciecamente obbedienti e ipocondriache. Ciò accade in assenza di coraggio, se non ci si riconosce anima...

ESTERI

Lo sfogo e la commozione del reporter Vittorio Rangeloni: “Sono 8 ca**o di anni: siete ipocriti”. Il reporter Vittorio Rangeloni porta una testimonianza concreta...

Eugenio Miccoli

Ucraina, futuro di una guerra o grossa bolla di sapone? Dall'inizio della campagna militare lo staff di MePiù sta monitorando l’evento storico che sta...