Dom. Mar 7th, 2021

Il sospetto che esista un “asse” tra i Big Social e l’alta finanza, è forte. Sembra di essere in un film surrealista, un parco giochi del neoliberismo. Potremmo chiamarle “convergenze parallele” riprendendo un’espressione usata da Aldo Moro. I fini sono comuni ma è evidente che c’è una parte di umanità che non accetto questo sistema di “fasci” tra corporazioni. Estratto dall’intervista di Eugenio Miccoli a Roberto Quaglia disponibile su YouTube per abbonati al canale MePiù a questo link: https://youtu.be/BHI3tFp9j3c sulla piattaforma Play MePiù per i donatori ricorrenti a questo link: https://mepiu.it/play-quaglia

L’INTERVISTA INTEGRALE A ROBERTO QUAGLIA

POSSIAMO FARE INFORMAZIONE INDIPENDENTE GRAZIE AL TUO SOSTEGNO.
SE TROVI UTILE IL NOSTRO LAVORO, CONTRIBUISCI A MANTENERLO CONSTANTE:

ATTIVA UNA DONAZIONE RICORRENTE CON PAYPAL E CARTE UTILIZZANDO IL TASTO “DONA ORA”


ALTRI MODI PER SOSTENERCI:

IBAN E POSTEPAY SU: https://mepiu.it/sostieni

INVIA UNA SINGOLA DONAZIONE DI 20 EURO RAPIDAMENTE CON TUTTI I METODI DI PAGAMENTO,



Eugenio Miccoli

Di Eugenio Miccoli

Blogger, Video Maker e intervistatore. Fondatore e coordinatore di MePiù.

Rispondi