Connect with us

Hi, what are you looking for?

Interviste

Belle le Piazze… ma non servono a niente – Simone Di Stefano lancia Exit

“Le strumentalizzazioni le fanno i media”. Ai microfoni di MePiù, Simone Di Stefano, ex leader di Casapound e attualmente fondatore del movimento “Exit”, parla del suo nuovo progetto politico, ma non si schiera sulla situazione in Ucraina.

“Le strumentalizzazioni le fanno i media”. Ai microfoni di MePiù, Simone Di Stefano, ex leader di Casapound e attualmente fondatore del movimento “Exit”, parla del suo nuovo progetto politico, ma non si schiera sulla situazione in Ucraina.

Sull’attuale situazione che sta coinvolgendo tutto il globo, l’ex Segretario del movimento della destra radicale rimane neutrale e si rifiuta di fare il tifo per qualcuno, spiegando come l’Ucraina è stata trascinata nell’attuale situazione, ritrovandosi così schiacciata tra i due imperialismi. Si è inoltre rifiutato di rispondere alla domanda sui rapporti tra Casapound negli anni scorsi e i neonazisti ucraini di gruppi come Azov.

Riguardo al suo nuovo percorso, Di Stefano tende a smarcarsi dal suo passato e precisa come si tratti di una strada prettamente politica, priva di riferimenti a ritroso, che vedrà all’interno delle elezioni l’unica strada percorribile per il bene comune.

Alla domanda su un rischio di frammentazione del dissenso che un ulteriore simbolo politico, come il suo, potrebbe portare nel panorama “No Green Pass”, così ha risposto il segretario di Exit: “C’è la necessità che ognuno, in questo vasto panorama di opposizione che si è creato, trovi la sua identità precisa. Dopo, quando sarà il momento di trovare una convergenza, si troverà”

Di Stefano procede con una dura critica contro la mancanza programmatica di sovversione del potere istituzionale, non critica le Piazze ma l’idea che questo tipo di dissenso possa essere realmente efficace. In chiusura una breve riflessione sulla Costituzione identificata come uno strumento da inquadrare nelle problematiche di fondo della politica attuale: “Non prendiamola come feticcio”.

Ogni giorno decine di migliaia di persone raggiungono i nostri contenuti. Sappiamo che il momento non è dei migliori ma abbiamo deciso di programmare alcune produzioni da realizzare nei prossimi mesi. Quei contenuti più impegnativi che sapete essere nelle nostre corde. Ma per poterlo fare abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Se puoi, attiva una donazione ricorrente, anche piccola. Fallo adesso prima che passi anche questa giornata, il nostro lavoro è finanziato solo da voi, per forza e per scelta. Un grazie a chi lo ha fatto fino ad ora e chi vorrà aggiungere la sua goccia in questo fiume. mepiu.it/sostieni

Advertisement. Scroll to continue reading.

CON BONIFICO

IT87S0760103200000062388889 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX Banca: Poste italiane Spa A favore di: Eugenio Miccoli Causale: Donazione

Criptovalute QUI

Se hai difficoltà, contattaci a sostieni@mepiu.it

Da non perdere

Articoli

"Ho deciso di intitolare questo libro 'Io e Dio' perché, pronunciandolo a voce alta ci si avvede di come esso suoni anche come io...

guerra

Nel pubblico, alla conferenza del filosofo Giorgio Agamben a Firenze il 7 maggio, era presente Giorgio Bianchi - documentarista e reporter di guerra recentemente...

Articoli

Il 9 maggio si sono riunite, in via Caetani, le alte cariche dello Stato per la Commemorazione del 44esimo anniversario della morte dell’On Aldo...

Articoli

Il popolo ucraino ha diritto a vivere nella propria terra e ad autodeterminarsi. Dobbiamo aiutare il popolo ucraino. Dobbiamo aiutarlo ad emanciparsi. Questa è...

Articoli

Arrestato Nicola Franzoni per l’assalto alla sede della Cgil. Intervistato da Eugenio Miccoli il 16 novembre, si era dichiarato estraneo a quelle violenze.