Connect with us

Hi, what are you looking for?

Eugenio Miccoli

Via GRADOLI e la menzogna della SEDUTA SPIRITICA per coprire la fonte di PRODI – MORO-LEAKS

Durante i 55 giorni di prigionia di Aldo Moro accadono episodi assurdi, uno su tutti quello della seduta spiritica. Forse un malcelato tentativo di coprire una fonte che non si voleva definire?

Durante i 55 giorni di prigionia di Aldo Moro accadono episodi assurdi, uno su tutti quello della seduta spiritica che si realizza in provincia di Bologna. Durante tale presunto rituale, a Zappolino, frazione di Valsamoggia, nove professori universitari, cinque donne e quattro uomini, avrebbero invocato, a dispetto di ogni principio cattolico, gli spiriti di don Luigi Sturzo e di Giorgio La Pira (storico sindaco fiorentino), i quali avrebbero rivelato ai presenti che Moro era tenuto prigioniero a Gradoli, paesino vicino a Viterbo, precisamente verso il lago di Bolsena. Una delle tante controversie del caso Moro, un’azione di depistaggio o un qualcosa di più oscuro?

In tutto ciò sono due gli aspetti più strani: il primo è che questi quattro uomini sono poi diventati tutti Ministri della Repubblica: Prodi, Gobbo e Clò per il centro-sinistra e Baldassarre per il centro-destra. Ancor più strano però è il fatto che la Magistratura italiana, nella parte di chi ha ascoltato questi professori, ha creduto alla possibilità del piattino che si fosse mosso grazie alle anime invocate.

La seduta spiritica potrebbe essere un malcelato tentativo di coprire una fonte che non si vuol definire.

In ogni caso il sopralluogo a Gradoli dà esito negativo. Il colpo di scena arriva quando, due settimane dopo, a Roma, viene scoperto l’appartamento di Mario Moretti, fautore della strage di via Fani e carceriere di Aldo Moro. Ebbene, tale abitazione si trova in via Gradoli, sul tragitto che porta a Viterbo. Non si trattava quindi di Gradoli ma di una via con lo stesso nome della località.

Un altro mistero che aleggia intorno a questa via è dato dal fatto che quando la moglie di Moro chiese a Cossiga: “Ma scusa, Francesco, avete visto se sta sulle Pagine Gialle via Gradoli?”. Cossiga, Ministro degli Interni, rispose: “Non c’è”. Rivedendo le Pagine Gialle del 1978, via Gradoli c’era eccome, una strada sulla Cassia, ovviamente molto meno abitata di oggi. Ma non c’era bisogno di andare alle Pagine Gialle, perché in via Gradoli l’UCIGOS, che erano i Servizi segreti dell’epoca, aveva sei appartamenti di proprietà del Ministero degli Interni. Non era dunque un luogo sconosciuto.

Moro-Leaks: La più completa raccolta di fatti e informazioni documentali sul ‘caso Moro’ attualmente in circolazione. Dal creatore di The Moro Files, il nuovo libro-intervista di Eugenio Miccoli a Gero Grassi su uno dei più grandi misteri della Repubblica italiana. Acquista il libro su mmzero.it.

COPIA DATI PER BONIFICO

IT87S0760103200000062388889 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX Banca: Poste italiane Spa A favore di: Eugenio Miccoli Causale: Donazione

Se hai difficoltà, contattaci a sostieni@mepiu.it

Criptovalute QUI

Da non perdere

Articoli

Meta, proprietaria di Facebook e Instagram, annuncia il taglio di oltre 11mila dipendenti, 13% della forza lavoro. Uno dei più grandi licenziamenti tecnologici di...

Africa

Kissinger diceva che chi controlla il denaro, può controllare il mondo. E la Francia questo lo sa. Col Franco CFA, la "République" perpetra il...

Articoli

Elon Musk ha recentemente concluso l’acquisizione di Twitter, si è presentato nella sede della società con un lavandino in mano e ha licenziato il...

Articoli

Maia Sandu, diventata presidente della Moldova grazie a una retorica progressista e alla lotta contro l'eredità post-sovietica nel paese, si è di recente contraddistinta...

Articoli

Karl Peter Griesemann precipita accanto al Nord Stream, 22 giorni prima del presunto sabotaggio dei gasdotti. Una coincidenza? Togliamo il velo che occulta la...