Mar. Apr 20th, 2021

YouTube ha appena cambiato le sue regole sulla monetizzazione dei video. In sostanza, Google ora mostrerà gli annunci su tutti i video, anche se i suoi creators non li vogliono. E i creators non riceveranno un centesimo. È tutto in una nuova sezione dei Termini di servizio di YouTube chiamataDiritto di monetizzare“. “Oggi stiamo apportando alcuni aggiornamenti ai nostri Termini di servizio. I Termini di servizio sono documenti legali e scritti in un linguaggio legale, quindi stiamo scrivendo questo post per evidenziare cosa significa in un linguaggio più semplice. Stiamo lanciando questi Termini di servizio a partire dagli Stati Uniti, ma entreranno in vigore in tutte le regioni entro la fine del prossimo anno.”.

Ciò significa che come creator che non fa parte del programma YPP (programma partner di YouTube), potresti vedere annunci su alcuni dei tuoi video. Dal momento che non sei attualmente in YPP, non riceverai una quota delle entrate da questi annunci “.

YPP è il Programma partner di YouTube a cui possono appartenere creatori di video e influencer se hanno più di 1.000 iscritti e 4.000 ore di contenuti visualizzati negli ultimi 12 mesi. L’iscrizione a YPP ti rende idoneo per le quote di compartecipazione alle entrate da YouTube sulla base degli annunci mostrati nei tuoi video. Però molti creatori non soddisfano i requisiti. Altri semplicemente non vogliono annunci sui loro video, lasciandoli privi di pubblicità per la gioia delle persone. Questa opzione non sarà più disponibile nei nuovi Termini di servizio di YouTube.

Quest’ultima mossa arriva sulla scia di quello che, dicono i creatori di YouTube, è un bug che è costato loro settimane di entrate, ma che Google si rifiuta di riconoscere: una dichiarazione improvvisa e unilaterale che il 100% delle loro visualizzazioni di video proveniva da “traffico non valido” durante la notte, prima di tornare ai livelli standard di monetizzazione, almeno per alcuni, un paio di settimane dopo.

Per i creator di YouTube più piccoli, essere senza pubblicità può essere un vantaggio competitivo mentre salgono la lunga collina per avere un canale YouTube monetizzabile con un importo ragionevole di entrate. Gli spettatori possono godersi i loro video per lo più senza distrazioni e i creatori possono concentrarsi sulla crescita. Ora quell’opzione è andata.

Ovviamente, dal punto di vista di YouTube, ospita e riproduce video in streaming gratuitamente. L’esecuzione di YouTube comporta costi significativi (ricorda quanto tempo è servito perché YouTube diventasse redditizio) e la larghezza di banda non è gratuita. È comprensibile. La domanda ovvia è, tuttavia: se hai intenzione di monetizzare canali più piccoli, perché non cambiare semplicemente il programma partner per offrire ai creator più piccoli una riduzione delle entrate?

C’è una soluzione, ma a YouTube non piacerà: “Gli utenti di YouTube hanno bisogno di una sorta di unione, non sono sicuro di come funzionerebbe o altro, ma non possono continuare a farla franca uccidendo piccoli creator.” I creator più grandi con milioni di follower hanno un po’ di influenza con piattaforme di condivisione come YouTube e Instagram, ma i creator più piccoli non hanno una quantità significativa di potere. Eppure, con milioni che ora guadagnano un certo livello di reddito creando contenuti digitali – e iniziando a fare affidamento su quel reddito – potrebbe essere un’idea per cui sia arrivato momento. La sfida principale per i creatori che sono essenzialmente mezzadri moderni, interamente in balia delle grandi piattaforme è creare un’unione con il potere di scioperare e potenzialmente rimuovere una quantità significativa di nuovi contenuti da YouTube, TikTok o Instagram – potrebbe ristabilire l’equilibrio del potere.

Ma non è tutto perché negli “Aggiornamenti ai Termini di servizio di YouTube (novembre ’20)” il Team di YouTube comunica di aver “aggiornato i Termini di servizio per menzionare che qualsiasi pagamento da YouTube ai creator statunitensi sarà considerato “royalty” dal punto di vista fiscale degli Stati Uniti, a partire da oggi 18 novembre 2020. Ad alcuni creator potrebbe essere richiesto di inviare dati fiscali in AdSense e potrebbero essere soggetto a ritenute fiscali statunitensi se richiesto dalla legge. I creatori statunitensi non saranno generalmente interessati da queste ritenute fiscali a condizione che forniscano una documentazione valida.” E invitano rivolgersi a una consulenza fiscale professionale per ulteriori chiarimenti.

Insomma una vera rivoluzione in casa Alphabet, dovuta probabilmente alle pressioni ricevute in merito alla poca chiarezza sulle politiche di monetizzazione dei contenuti o forse l’ennesimo escamotage per provare ad arginare la possibilità dei singoli di diffondere messaggi non conformi agli interessi dei suoi inserzionisti/finanziatori. Sempre più business, sempre meno tutela dei diritti dei creatori di contenuti, sempre meno libertà in rete. Ma vedremo solo in futuro se questa mossa del monopolista della distribuzione di video su internet avvantaggerà i grandi capitali o sarà l’ennesima zappa sui piedi di un modello decadente.

Anche per questo MePiù.it e tanti altri blogger indipendenti si stanno organizzando per costruire di un’autonomia oggi ancora lontana. Ma per riuscire nel nostro grande compito abbiamo bisogno del tuo supporto.

POSSIAMO FARE INFORMAZIONE INDIPENDENTE GRAZIE AL TUO SOSTEGNO.
SE TROVI UTILE IL NOSTRO LAVORO, CONTRIBUISCI A MANTENERLO CONSTANTE:

ATTIVA UNA DONAZIONE RICORRENTE CON PAYPAL E CARTE UTILIZZANDO IL TASTO “DONA ORA”


ALTRI MODI PER SOSTENERCI:

IBAN E POSTEPAY SU: https://mepiu.it/sostieni

INVIA UNA SINGOLA DONAZIONE DI 20 EURO RAPIDAMENTE CON TUTTI I METODI DI PAGAMENTO,


MePiù è presente su tutte le piattaforme


Leggi anche:

Eugenio Miccoli

Di Eugenio Miccoli

Blogger, Video Maker e intervistatore. Fondatore e coordinatore di MePiù.

Rispondi