Connect with us

Hi, what are you looking for?

Articoli

Giorgia Meloni entra a far parte dell’ASPEN Institute.

Non si arresta la scalata di Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia, dopo la leadership di un partito europeo, si prende anche un altro traguardo tutto internazionale.

Non si arresta la scalata di Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia, dopo la leadership di un partito europeo, si prende anche un altro traguardo tutto internazionale. Apprendiamo da liberoquotidiano.it che la Meloni è infatti entrata nell’Aspen Institute, uno dei più grandi e prestigiosi think tank statunitensi al mondo. Presieduto da niente di meno di Giulio Tremonti, l’associazione no profit vanta tra i soci Giorgio Napolitano e a suo figlio Giulio, Paolo Mieli, Walter Russell Mead, Roberto Maroni, Antonio Martino e via discorrendo.

Eppure, come scrive Formiche.net, l’Aspen non è un think tank qualsiasi. Il distaccamento italiano si trova su Piazza Navona ed è tappa di molti diplomatici e accademici, intellettuali e politici, americani e non. Anche il nuovo presidente americano Joe Biden, in una delle ultime trasferte a Roma da vice di Barack Obama, ha fatto tappa all’Aspen per una conferenza internazionale. La Meloni, secondo i sondaggi la leader più amata in Italia, ha dato inizio a una sorta di re-styling. La leader di FdI ha infatti scacciato l’idea di una destra anti-europeista che la perseguitava per assumere vesti molto differenti. Non a caso la deputata è l’unica donna a Bruxelles a capo di un partito, quello dei Conservatori europei. 

L’Aspen non è altro che un’associazione privata, la cui missione è quella di promuovere valori umanistici e soluzioni a problemi di carattere politico ed economico attraverso seminari, programmi culturali, conferenze e formazione di una leadership illuminata. “Arricchiamo la vita delle persone e le aiutiamo a lavorare in modo più informato e intelligente. Insieme possiamo trovare la chiave di volta verso il successo negli affari, nella leadership, nella vita: dare equilibrio a valori in conflitto per costruire una base di lavoro comune, restando fedeli ai nostri ideali”, l’ha definito il suo presidente Walter Isaacson. Nel think tank Usa non mancano infatti nomi illustri dal calibro di Mario Monti e il presidente onorario Giuliano Amato, Marta Dassù e Gianni Letta, Paolo Savona e Romano Prodi, l’ad di Enel Francesco Starace John Elkann come vicepresidente. 

Tu cosa ne pensi? Vieni a dire la tua nel canale Telegram di MePiù.

COPIA DATI PER BONIFICO

IT87S0760103200000062388889 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX Banca: Poste italiane Spa A favore di: Eugenio Miccoli Causale: Donazione

Se hai difficoltà, contattaci a sostieni@mepiu.it

Criptovalute QUI

Da non perdere

cina

Quale è la vera origine delle proteste in Cina? Ipotesi dietrologiche girate nel web e tanto imbarazzo nel mainstream internazionale sono i protagonisti principali...

Articoli

Meta, proprietaria di Facebook e Instagram, annuncia il taglio di oltre 11mila dipendenti, 13% della forza lavoro. Uno dei più grandi licenziamenti tecnologici di...

Africa

Kissinger diceva che chi controlla il denaro, può controllare il mondo. E la Francia questo lo sa. Col Franco CFA, la "République" perpetra il...

Articoli

Elon Musk ha recentemente concluso l’acquisizione di Twitter, si è presentato nella sede della società con un lavandino in mano e ha licenziato il...

Articoli

Maia Sandu, diventata presidente della Moldova grazie a una retorica progressista e alla lotta contro l'eredità post-sovietica nel paese, si è di recente contraddistinta...