Mar. Apr 20th, 2021

Poiché il vaccino non fornisce l’immunità immediata al coronavirus, a oltre duecento cittadini israeliani è stata diagnosticata la malattia giorni dopo aver ricevuto dosi Pfizer / BioNTech, hanno riferito i media locali. Il numero di coloro che hanno preso il Covid-19 nonostante fossero stati vaccinati era di circa 240 persone, secondo i dati di Channel 13 News. Il vaccino Pfizer / BioNTech, su cui fanno affidamento le autorità sanitarie israeliane, non contiene il coronavirus e non può infettare il ricevente. Ma il codice genetico del farmaco richiede tempo per addestrare il sistema immunitario a riconoscere e attaccare la malattia.

L’assunzione del vaccino prodotto negli Stati Uniti richiede due somministrazioni. Secondo gli studi, l’immunità al Covid-19 aumenta solo dagli otto ai dieci giorni dopo la prima iniezione ed eventualmente raggiunge il 50%. La seconda dose viene somministrata a 21 giorni dalla prima, mentre l’immunità dichiarata del 95% viene raggiunta una settimana dopo. E, naturalmente, c’è ancora il 5% di possibilità di contrarre l’infezione anche se il vaccino è al suo pieno potenziale.

Lo stato ebraico sta attualmente intraprendendo una massiccia campagna di vaccinazione, che ha già visto oltre un milione di persone o quasi il 12% della popolazione ricevere il vaccino Pfizer / BioNTech. Secondo l’Università di Oxford, questo è il più grande intervallo pro capite al mondo. La prima fase del programma mira a immunizzare medici e anziani prima di espandersi ad altre categorie.

Circa una persona su mille ha riportato lievi effetti collaterali dopo la somministrazione del vaccino, tra cui debolezza, vertigini e febbre, nonché dolore, gonfiore e arrossamento nel punto in cui è stata fatta l’iniezione. Alcune dozzine di loro hanno richiesto cure mediche, ha detto il ministero della Salute.

Da quando le vaccinazioni sono iniziate il 20 dicembre, almeno quattro persone in Israele sono morte poco dopo aver ricevuto il vaccino, ha riferito l’emittente pubblica Kan. Il ministero della Salute ha sostenuto che tre dei decessi non fossero correlati al vaccino, con il quarto caso, di un uomo di 88 anni, è attualmente oggetto di indagine.

GUARDA ANCHE:

POSSIAMO FARE INFORMAZIONE INDIPENDENTE GRAZIE AL TUO SOSTEGNO.
SE TROVI UTILE IL NOSTRO LAVORO, CONTRIBUISCI A MANTENERLO CONSTANTE:

ATTIVA UNA DONAZIONE RICORRENTE CON PAYPAL E CARTE UTILIZZANDO IL TASTO “DONA ORA”


ALTRI MODI PER SOSTENERCI:

IBAN E POSTEPAY SU: https://mepiu.it/sostieni

INVIA UNA SINGOLA DONAZIONE DI 20 EURO RAPIDAMENTE CON TUTTI I METODI DI PAGAMENTO,


Eugenio Miccoli

Di Eugenio Miccoli

Blogger, Video Maker e intervistatore. Fondatore e coordinatore di MePiù.

Rispondi